Covid19 ha colpito e colpisce l’agricoltura in modo grave, mettendo in crisi la
continuità dell’impresa quando a essere coinvolte sono le figure chiave
dell’azienda: titolari, dipendenti, collaboratori e familiari più stretti.
“Dall’analisi e dagli approfondimenti di contesto - annuncia il presidente di
Asnacodi Italia Albano Agabiti - e grazie anche alle nuove soluzioni
tecnologiche, che consentono di gestire il fondo con una piattaforma
informatica, Asnacodi è pronta a dare il via a un nuovo, innovativo e unico
fondo mutualistico: AgrovsCovid-19 tagliato su misura per le nostre imprese
agricole e che ne migliora il benessere”.
Attraverso il Fondo, rivolto alle aziende associate ai Consorzi di difesa del
sistema Asnacodi, chi aderisce può assicurarsi sia da un lato la tutela del
reddito in caso di indisponibilità di risorse chiave per l’azienda, dall’altro la
possibilità di verificare la disponibilità operativa immediata di un sostituto
esperto in grado di garantire la continuità dell’impresa agricola. Grazie alla
versatilità della piattaforma digitale, infatti, sarà presto disponibile una
specifica funzione denominata Temporary Farmer per la gestione di una banca
dati di risorse specializzate, alimentata dai soci stessi che vogliono offrire la
propria collaborazione solidaristica verso i colleghi più sfortunati, ma anche da
utenti esterni che vogliono candidarsi a svolgere lavori temporanei nelle
aziende associate in sostituzione delle risorse indisponibili.
“Si tratta di una ulteriore soluzione a disposizione dell’imprenditore agricolo
che permette di tutelare le risorse umane della propria azienda. Il fabbisogno
finanziario necessario per erogare le compensazioni alle imprese agricole che
hanno sottoscritto la copertura mutualistica e che vedono i loro uomini chiave
colpiti dal virus è formato dai contributi associativi delle stesse imprese
aderenti”, aggiunge il direttore di Asnacodi Andrea Berti.
Organizzare la raccolta di frutta o verdura, gestire acquisti e forniture, formare
le squadre, organizzare l’aratura, la mungitura, le operazioni di irrorazione sono
solo alcune delle operazioni più comuni che richiedono di intervenire
immediatamente o nell’arco di qualche tempo e dunque attraverso la
condivisione del rischio e sulla base dei principi di mutualità e solidarietà con
AgrovsCovid-19 saranno facilitate soluzioni per lavori urgenti.
“Certamente la tecnologia messa in campo – evidenzia il presidente Agabiti –
ha giocato un ruolo fondamentale per lo sviluppo e nascita di questo Fondo.
Una piattaforma intuitiva che permette di gestire tutto il flusso di dati delle
aziende agricole associate e, inoltre, permetterà agli associati di mettere a
disposizione manodopera, in pieno stile mutualistico, concetto da sempre caro
agli agricoltori”. “Questo per noi imprenditori agricoli è di estrema importanza,
ci consente di programmare, sviluppare e crescere” – conclude il presidente di
Asnacodi Italia.
“Con questo strumento – specifica il direttore Berti – Asnacodi consente al
comparto agricolo di fornire alle imprese una soluzione di protezione, facendo
in modo che siano gli stessi imprenditori agricoli a dare una risposta
all’esigenza protettiva contro il rischio Covid-19”.
“Una forma di condivisione del rischio – spiega il direttore – che ha preso piede
molto tempo prima delle attuali coperture mutualistiche, che poi si è sviluppata
nelle società di assicurazione, ma che grazie alle nuove tecnologie e, in
particolare, alla capacità di gestire dati, oggi si è rivelata molto valida per le
imprese agricole”.
“Lo studio dei dati ci permette di calibrare il costo di adesione alla copertura
mutualistica in tempo reale rispetto all’andamento del rischio descritto dai
modelli matematici”, puntualizza Agabiti.
Le informazioni e i dettagli per la presentazione della domanda di adesione al
Fondo sono disponibili presso i singoli Consorzi di Difesa, nostri partners per la
costituzione e lo sviluppo del Fondo” .

0
0
0
s2sdefault

Sabato 14 novembre 2020, si terrà la sesta edizione del Festival meteorologia che rappresenta un'opportunità concreta di conoscere la meteorologia, esplorarne le sue basi scientifiche e approfondirne le implicazioni economiche, culturali e sociali. A causa dei recenti accadimenti legati alla emergenza sanitaria e al contenimento della diffusione del covid-19, l’evento di quest’anno si terrà con la modalità online.

A breve sarà attivata la possibilità di accreditarsi per la partecipazione ai lavori su www.festivalmeteorologia.it; dal sito sono inoltre scaricabili sia il programma che altre informazioni sull’evento.

Gli obiettivi della manifestazione mirano a fare il punto della situazione attuale del mondo della meteorologia in Italia, confrontandosi con i punti di forza e le criticità della situazione pregressa e cercando di capire le prospettive future.

La costante moltiplicazione di eventi atmosferici sempre più intensi, impongono un confronto ad ogni livello sempre più serrato, per capire quale sia il ruolo che la meteorologia può e deve assumere per far fronte a questi cambiamenti, partendo da politiche pubbliche maggiormente impegnate sul tema, all'educazione generalista che coinvolge ogni cittadino a partire dall’ambito scolastico.


Scarica l'opuscolo dal link: https://www.asnacodi.it/documenti/v-forum-2017/festivalmeterologia-2020-pieghevole-programma/download

Scarica il comunicato stampa e il programma dal link: https://www.asnacodi.it/documenti/v-forum-2017/festivalmeterologia-2020-comunicato-stampa/download

 

 

0
0
0
s2sdefault

Il nuovo approccio verso la semplificazione sta iniziando a dare i suoi frutti: la situazione contributi per il reparto zootecnia sembra sia stata sbloccata, oltre l’80% dei contributi del triennio 2015-2017 già pagati e finalmente trovata una soluzione per i pagamenti relativi al 2018-2019.

La tanto attesa semplificazione nel comparto della Gestione del Rischio, ma non solo, inizia a farsi vedere. Tra Standard value, nuovi strumenti e sincronizzazioni informatiche negli ultimi periodi si sono sbloccate numerose situazioni complesse createsi nel primo momento di apertura della nuova fase del settore partita con la riforma del 2015, tra queste sicuramente va citata quella del comparto zootecnico.

“Una maturità di gestione che arriva dopo numerose difficoltà e per questo va il nostro plauso al Ministero e alle sue strutture tecniche – sottolinea Albano Agabiti, presidente di Asnacodi – un percorso che ci ha visto sostenere e ci vede ancora sostenere come Sistema Asnacodi Italia il necessario processo di innovazione. Un percorso che ha portato ad innovare e semplificare il mondo assicurativo agevolato. Semplificazione che ha anche coinvolto tutto il comparto zootecnico”.

“Dopo anni dove si sono susseguiti diversi problemi di allineamento tra le numerose banche dati – specifica Andrea Berti, direttore di Asnacodi – finalmente è stata trovata una soluzione innovativa per sbloccare i pagamenti relativi alle contribuzioni del settore agevolato zootecnico relativi al biennio 2018-19 ed, inoltre, è stato attivato un percorso per la gestione dei pagamenti a saldo del triennio 2015-17, triennio nel quale sono stati già erogati oltre l’81% dei contributi, pari a 14,1 milioni di euro. Su questo fronte – continua Berti – i nostri Condifesa sono pronti per partire con le attività previste dalla procedura informatica per il caricamento dei certificati zootecnici, resta solo da attendere il via libera da Agea per i certificati 2019”.

“La grande apertura di Agea all’innovazione, alla semplificazione e al confronto – specifica il presidente Agabiti – è stata, inoltre, confermata dalla disponibilità accordata di basarsi anche sulle banche dati regionali e non solo su quella nazionale per la verifica dei necessari parametri di consistenza dell’allevamento. Il tutto finalizzato ad accelerare al massimo il processo di erogazione delle risorse economiche” – conclude Agabiti.

Il cronoprogramma dei lavori del Ministero è stato presentato proprio oggi (18 dicembre ndr) durante il Consiglio di Amministrazione di Asnacodi, il Ministero ha chiarito anche le tempistiche di liquidazioni delle posizioni aperte relative al comparto zootecnico, che avverrà entro gennaio 2021. Tutto il Cda ha accolto con grande apprezzamento il lavoro svolto dal dicastero di via XX settembre.

 

 

Per informazioni alla stampa: Paolo Spagna– 06/44243752 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

0
0
0
s2sdefault

Competitività dei contratti di filiera del settore agricolo e della pesca; investimenti nella infrastrutture logistiche per lo sviluppo del potenziale delle esportazioni delle piccole e medie imprese; meccanizzazione del settore primario; incremento di energia prodotta da fonti rinnovabili e prevenzione del dissesto idrogeologico.

continua su:

https://agronotizie.imagelinenetwork.com/agricoltura-economia-politica/2020/09/29/recovery-plan-competitivita-della-filiera-e-investimenti-nelle-infrastrutture/68089?utm_campaign=newsletter&utm_medium=email&utm_source=kANSettimanale&utm_term=738&utm_content=3682&ilntaglist=agricoltura%2Ddigitale&refnlagn=title

0
0
0
s2sdefault


L'Associazione Nazionale dei Condifesa – Asnacodi – costituita nel 1982, svolge a livello nazionale compiti di coordinamento, rappresentanza e tutela, dei 62 Consorzi di Difesa associati operanti nel settore della prevenzione e gestione dei rischi d'impresa in agricoltura.

Recapiti
Via Nazionale 181 - 00184 Roma (RM)
06 - 44.24.37.52
comunicazioni@asnacodi.it

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter